Disclaimer

Prestare sempre attenzione a seguire le indicazioni fornite in questo blog, soprattutto se si tratta di apparecchiature elettriche collegate alla tensione di 220V. Non mi ritengo responsabile di danni causati dall'aver seguito i consigli qui pubblicati.
Grazie

domenica 18 gennaio 2015

Primo esperimento: un semplice rilevatore di gas




Iniziamo a mettere insieme un pò di pezzi del nostro starter kit più qualche altro dispositivo acquistato e partiamo con la prototipazione di un rilevatore di gas "casalingo" utilizzando il sensore MQ-4.

A chi interessa, questo è il datasheet


Il sensore, già montato su scheda, fornisce 4 pin per i collegamenti:

- Vcc: tensione di alimentazione 5V, perfettamente compatibile con Arduino;
- GND: connessione a massa;
- AD: uscita analogica, proporzionale al valore di gas rilevato nell'aria;
- D0: uscita digitale triggerata; fornisce un valore di uscita ALTO quando il valore di gas rilevato supera una certa soglia; soglia impostabile tramite apposito trigger;


Noi useremo solo il pin di uscita analogico, che collegheremo ad un ingresso analogico di Arduino.

Il sensore ha bisogno di una fase di preriscaldamento prima di fornire rilevazioni attendibili.

Nel nostro prototipo, a scopo prettamente didattico e per prendere un pò di confidenza, inseriamo anche:

- un rilevatore di temperatura LM 35
- un display LCD 16X2 retroilluminato con driver Hitachi HD44780
- un Buzzer
- un led
- un potenziometro

Nel display, il cui contrasto è controllato dal potenziometro, visualizziamo i dati acquisiti dal sensore di gas e di temperatura; il led lo utilizziamo per indicazione dello stato del gas presente nell'aria e il Buzzer è utilizzato per segnalare una rilevazione alta di gas.

Video dimostrativo